mercoledì 6 giugno 2012

TERREMOTO AL LARGO DI RAVENNA


via Byline


di Gianni Lannes

Ora anche il Mare Adriatico trema.  Attesta l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia: “Una scossa sismica con magnitudo 4.5 si è verificata all’alba (ore 6.08 italiane) con epicentro al largo di Ravenna, ad una profondità di 25,6 chilometri”.  Il terremoto è stato avvertito in tutto il Centro Nord, soprattutto nelle Marche e in Veneto. Le zone vicine all'epicentro sono Ravenna, Cervia e Alfonsine. Secondo la Protezione Civile, al momento non si registrano danni a persone o cose. Dopo una rarefazione degli eventi sismici nel pomeriggio di ieri, nel corso della notte la sequenza in pianura padana ha ripreso l'attività culminando in questa tremore tellurico all'alba. La scossa di questa mattina in Adriatico, all'altezza di Ravenna, è stata avvertita distintamente anche lungo tutto il litorale delle province di Pesaro-Urbino e Ancona.  

Echo 346 - Le ordinanze 19, 20, 21 e 52/2012 recitano:«Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Ravenna ORDINA: Art. 1) Nei mesi di aprile, maggio, giugno e luglio 2012 la zona di mare del Circondario Marittimo di Ravenna ricadente all’interno del poligono di tiro Echo 346 è interdetta alla navigazione, alla pesca e ad ogni attività connessa ai pubblici usi del mare, a causa dell’effettuazione di esercitazioni di tiro. Art. 2) A causa della presenza sul fondo marino di ordigni esplosivi nella zona di mare del circondario marittimo di Ravenna delimitata dai seguenti punti (…) sono permanentemente interdette a tutte le unità - nessuna esclusa - le operazioni di ancoraggio e le attività di pesca, sotto qualsiasi forma esercitata».

L’immaginario - A 100 chilometri di distanza dalle scosse mortali e devastanti dell’Emilia. Nell’Adriatico operano alcuni sommergibili (dediti alla guerra elettronica) a propulsione nucleare della Marina Usa. Secondo esperti e fior di scienziati di cui pullula attualmente l’Italia, le sperimentazioni belliche (segrete) della Nato non hanno alcun legame con gli eventi sismici  che stanno scuotendo lo Stivale. La paura non dà tregua. Ed è quello che conta per i padroni del vapore in divisa e non. Negare sempre e comunque l’evidenza. Insomma, è tutta colpa della Natura: l’uomo non c’entra, mai.

Ravenna 19 marzo 2012

Ravenna 20 marzo 2012

Ravenna 21 marzo 2012

Ravenna 17  maggio 2012

Sent from my iPad

Nessun commento:

Posta un commento